Cronaca Scicli 01/08/2017 10:07 Notizia letta: 3912 volte

Scicli sotto shock per la morte di Franco Magro

La ricostruzione degli ultimi momenti
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/01-08-2017/scicli-shock-morte-franco-magro-500.jpg

Scicli - Si terranno mercoledì 2 agosto alle 10 nella chiesa del Santissimo Salvatore a Jungi i funerali dell'ingegnere Franco Magro.

La notizia della improvvisa scomparsa del professionista 67enne, ha lasciato increduli e addolorati quanti lo hanno conosciuto. Docente e formatore di intere generazioni di geometri al Superiore, Magro viene ricordato per una innata mitezza, bonomia e cordialità. 

Tutti a Scicli ne hanno incrociato la professionalità: per un progetto, una messa in sicurezza, un banale consiglio. 

Magro si era recato, lunedì mattino, in località Costa di Carro, a Sampieri, con un amico, per una battuta di pesca subacquea. Magro era un grande sub, esperto del nostro mare. Conosceva ogni palmo della costa iblea, aveva grande esperienza e capacità. 

I due si erano separati intorno alle 11,30, dandosi appuntamento in un luogo preciso per le 15. Ma all'appuntamento Franco non si è presentato. L'amico e collega di passione ha lanciato l'allarme, ha iniziato a cercarlo, invano. 

Franco era stato colpito da un malore, forse un infarto, e a fatica aveva guadagnato la riva, presso il cosiddetto "concone", in prossimità di via Valdo, a Cava d'Aliga. Aveva scorto dei turisti stranieri, e a loro si era rivolto: "Help, help", le ultime parole. 

Proprio questa ultima frase ha tratto i suoi soccorritori in inganno, facendo credere loro si trattasse di uno straniero. Franco aveva avuto invece l'intuizione di rivolgersi ai suoi interlocutori in inglese, per essere certo di essere compreso. 

L'uomo è spirato poco dopo. 

Intanto, i familiari di Franco si erano allarmati perchè non avevano più notizie del loro congiunto. Erano in ansia per la notizia della morte di un sub, ma sollevati dal fatto che si trattava di un turista, forse tedesco. Un campanello d'allarme sinistro. 

I familiari a questo punto hanno perlustrato, insieme all'amico sub, la costa, ma di Franco nessuna notizia. I carabinieri intanto erano in cerca dell'identità del presunto turista tedesco trasportato all'obitorio del cimitero di Scicli. 

A tarda sera, poco dopo le 21, le due ricerche si sono incrociate, e la figlia minore di Franco si è portata al cimitero, dove ha riconosciuto l'amato papà. 

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1511111429-3-torre.gif